Maniago

Non solo Lame

La città di Maniago (283 mt s.l.m) sorge in pianura, alle falde del Monte Jof (1224 mt). La sua particolare collocazione geografica, equamente distante dall’Austria, da Venezia e dall’area triestina e slovena, ne fa una meta facilmente raggiungibile. Dal punto di vista storico, nonostante ritrovamenti del periodo Neolitico, l’ingresso nella storia di Maniago è datato 12 gennaio 981, giorno in cui l’imperatore Ottone II conferma al Patriarcato di Aquileia i possedimenti della corte di Maniago.

Sarà nel 1195, due secoli dopo, che i conti di Maniago saranno investiti del Feudo dal Patriarca di Aquileia fino al 5 Giugno 1420, quando le truppe venete conquisteranno il castello. Da quel giorno le sorti di Maniago seguiranno quelle del Friuli fino all’annessione al Regno d’Italia nel 1866.

Maniago è dotata di una moderna zona industriale cresciuta sull’antica e tradizionale lavorazione delle lame: oggi la città è conosciuta per la secolare produzione di coltelli e di articoli da taglio di qualità superiore.
Tutti i prodotti sono tutelati dalle norme del Distretto e da un marchio di qualità territoriale. I “coltellinai” sono anche famosi per le armi antiche utilizzate in musei e in set della cinematografia internazionale.

Il Museo dell’Arte Fabbrile e delle Coltellerie presso l’ex Coricama  è dedicato a questa attività artigianale. Dal punto di vista turistico Maniago offre il quattrocentesco Duomo, la Loggia, Palazzo Attimis e l’originale fontana, il rinnovato Teatro Verdi, il già citato Museo dell’Arte Fabbrile e il neonato Ecomuseo delle Dolomiti friulane destinato a raggruppare i Comuni più caratteristici per le loro tradizioni culturali e folcloristiche, per i siti archeologici e per le manifestazioni popolari. In pratica, quest’organismo rende possibile una cultura del territorio che si identifica nella vita sociale e economica: un richiamo sempre più esteso ed organizzato che si traduce nello sviluppo sostenibile.

Uno dei personaggi più illustri di Maniago è Armando Pizzinato, classe 1910, annoverato fra i più grandi pittori del 900, insieme a Renato Guttuso nel 1946 fonderà il “fronte Nuovo delle Arti” e nel 1950 dà vita al “Realismo Italiano”. Pizzinato muore a Venezia nel 2004 lasciando le sue opere esposte in molto musei tra cui New York, Londra, Parigi, Berlino, Firenze, Roma, Mosca, Leningrado.

Municipio:

Piazza Italia 18
33085 Maniago 
N.Verde 800.547.694
URP urp@maniago.it


Ulteriori info:

http://www.comune.maniago.pn.it
http://www.turismofvg.it
http://www.pordenonewithlove.it

  • Il Territorio

    la ricchezza nella diversità

    Il comprensorio montano della provincia di Pordenone è una delle zone più caratteristiche della regione Friuli Venezia Giulia, un universo di storia, natura, tradizioni, cultura, economia ed incontro.

    Leggi
  • I Nostri Servizi

    per uno sviluppo sostenibile

    Dalle "Fibre Ottiche" all' "Asilo", dalla "Mensa" alla "Formazione". Un insieme di servizi integrati pensato per facilitare la vita delle aziende socie del NIP e di tutti i loro dipendenti.

    Leggi
  • Qualità e Ambiente

    un binomio vincente

    Il Consorzio NIP ha deciso di erogare i propri servizi nel rispetto della salvaguardia e della tutela ambientale al fine di promuovere e rispettare gli habitat ed i territori in cui è insediato.

    Leggi